13 Mag 2016

Emergenza PFAS in Veneto

Il problema della contaminazione delle acque in Veneto.

Il Veneto, stando a quanto scrive il Fatto Alimentare (articolo ripreso anche dal quotidiano Libero), sta attraversando una vera e propria emergenza – acqua. Per anni, riporta l’articolo, decine di migliaia di cittadini delle province di Vicenza, Verona e Padova, hanno consumato acqua “del rubinetto” inquinata da c.d. “interferenti endocrini“, in questo caso PFAS.

Ma cosa sono i PFAS?

Sono sostanze chimiche utilizzate che servono a rendere resistenti ai grassi e all’acqua vari materiali come tessuti, tappeti, carta e rivestimenti per contenitori di alimenti, e sono dotate di un’elevata persistenza nell’ambiente.

La contaminazione da PFAS è stata rilevata, per la prima volta, nel 2013 in seguito a uno studio commissionato al CNR da parte del Ministero dell’Ambiente, le cui risultanze avevano messo in luce una concentrazione di 2000 ng/l. Lo studio avvertiva, quindi,  su un possibile rischio sanitario per le popolazioni delle zone limitrofe che consumavano acqua del rubinetto.

Per riportare la situazione alla normalità e nell’ottica di preservare la salute pubblica, la Regione Veneto ha predisposto una serie di misure sanitarie per tutelare e porre sotto controllo clinico la popolazione delle zone interessate.

(Fonte: qui)

 

Share this

© 2016 Konsulting. All rights reserved.

Click Me